vorrei ma non posso

Vorrei ma non posso,è la frase che vi sentirete dire da chi ha ancora la mente  e lo spirito per fare certe cose ma il fisico non gli permette più di farle,oppure c’è qualcosa che gli vieta di farle.

Questa risposta viene data anche da chi non a voglia di fare le cose che gli si chiedono e presenta questa scusa per non farle.

RIDICOLI

2013

CAZZO. È già passato un anno…porca…trota volano azz…volano veramente .Iltempo a un significato sempre più importante,anche perché sembra sempre che c’è ne sia meno.

Comunque Buon Anno a tutti

The gov

caro mio grande amore ci stai rubando le 40 ore già che sei senza coscienza rubati pure la ccontingenza visto che sei senza pietà rubati pure l’anzianità e se vuoi fare le cose serie lascia i pure senza le ferie per migliorare la situarione togli di mezzo la lliquidazione se l’inflazione  ancora dilaga fregaci  anche la busta paga E per dispetto dei sindacati aumenta ancora i disoccupati e perchè tutto sia normale facci pagare anche l’ospedale perchè ci sia un lieto fine facci pagare le mmedicine per evitare  ulteriori danni manda i in pensione a 90 anni. —— autore sconosciuto——-

GravityLight

Geniale…

http://www.indiegogo.com/projects/282006

GravityLight: lighting for developing countries.

We have developed a realistic alternative to Kerosene lamps by harnessing the power of gravity. We need your help to make it happen.

Windows8

Ma guarda che bello,e nato windows8.Per una esperienza personale so che il caro Bill mette in circolazione un sistema operativo buono e uno così così.Credo che questo sia il così così,di solito è sempre uno “si”è uno “insomma”vedi Windows vista e windows7.

Credo che sia meglio saltare windows8 e aspettare il prossimo con quello che si,che sarà quasi e certamente migliore del sistema appena uscito.

Franzei

Franzei,un bellissimo posto,ammirato da tutti quelli che ci sono passati,amato da molti,adorato da pochi.

Posto ad un ora di cammino dal fondo valle,in una conca verde con i tipici fienili usati un tempo per la fienagione,e un ruscello che lo attraversa a metà.Una vera catolina,quei paesaggi che pensi non esistano più,ma si trovino solo nelle inlustrazioni.

Non scrivo molto di Franzei,mi faccio solo un augurio,CHE NON CAMBI,CHE MANTENGA IL SUO FASCINO.

Franzei

Senza TITOLO

Abbiamo portato le mele hai mufloni.Si oggi come già altre volte,abbiamo portato delle mele che erano un po’ emaciate ad un gruppo di mufloni che oramai da un po’ scende vicino al paese a mangiare la prima erbetta fresca.

L’inverno  è stato molto avaro con la neve e quindi i prati al primo tiepido sole si sono svegliati ed è bastata una piccola pioggia per far crescere la prima verde erbetta.Inresistibile per i un paio di gruppi di mufloni che scendono fino hai bordi del paese per mangiare questa primizia.A seguito dei più grandi ci sono anche i nuovi nati,che corrono e saltano spensierati come tutti i giovani.

Dico Abbiamo, perchè non ero solo ma con mia moglie,è specialmente lei che ci tiene a portare le mele su sui prati perchè possano mangiarle i mufloni.mufloni

Peste e Corna

Chi di voi a mai letto Tex Willer il mitico fumetto,credo che almeno ne abbiate sentito parlare.

L’esclamazione del titolo di questo mio,era sempre detta dal suo inseparabile amico Kit Carson.Una escalamazione che mi è rimasta impressa nella memoria,come quella di quando andavano a mangiare e ordinavano o speravano di ordinare,”una bistecca alta due dita e una motagna di patatine”.Dico speravano di ordinare,perchè i guai li seguivano sempre e poche volte facevano una buona mangiata tranquilla senza una scazottata o sparatoria.  Tex Willer

Per i fumetti di Tex Willer c’è stata una attrazione molto forte che ha occupato una buona parte della mia adolescenza ,ancora adesso quando mi capita di leggerne uno mi piace e mi affascina come all’ora.

 Per gli indiani Navajos è Aquila della Notte, saggio capo bianco e fratello di ogni uomo rosso. Per i bianchi è l’agente indiano della Riserva Navajo e un ranger dalla mira infallibile. Per i fuorilegge che hanno la sventura di incrociare la sua pista è l’incubo peggiore.

Dal 1948, l’eroe creato dalla penna di Giovanni Luigi Bonelli e dal pennello di Aurelio Galleppini (in arte Galep) cavalca sulle piste del West e dell’Avventura, dall’Arizona al Grande Nord, dal Rio Grande all’Oceano Pacifico. Raddrizzatore di torti e dispensatore di giustizia, Tex non è un cavaliere solitario. Può contare sull’aiuto e sulle pistole dei suoi pards: l’anziano e burbero Kit Carson (altra leggenda del West), il fiero navajo Tiger Jack e il figlio Kit, tutto suo padre. Un poker di pistole al servizio della Legge! Tex è stato un fuorilegge (ma soltanto per il suo temperamento anarchico e libertario), ha combattuto la Guerra Civile con il Nord, pur essendo texano, perché fieramente antischiavista. Ha lottato per la libertà del Messico con l’amico Montales. Dopo aver conosciuto Kit Carson, è entrato nel corpo dei rangers. È diventato capo dei Navajos (il suo nome indiano è Aquila della Notte) sposando Lilyth, figlia del capo Freccia Rossa.                                                   - I SUOI PARDS   Il figlio Kit,l’indiano Tiger Jack,il ranger Kit Karson. Insieme sono degli autentici tizzoni d’inferno.

Grande Textex con fucile

Il figlio Kit, l’indiano Tiger Jack, il ranger Kit Carson.
Insieme sono tre autentici tizzoni d’inferno!

La Casualità

“Un giorno credi di esser giusto e di essere un grande uomo” Mi sono venute in mente queste parole di una canzone di Bennato,una canzone che come tante nella mia vita ha avuto un posto importante, un angolino dove metterci dei ricordi.

Oggi parlevamo di una persona che e molto tradizionalista,la sua vita si inspira ad una tradizione antica,arcaica.Lui vede le cose buone solo se sono nelle tradizioni della sua gente,nei genomi dei suoi avi,nelle regole di tempi passati.

Poi ho pensato alla sua famiglia,a questa voglia di perpretrare le tradizioni e di mantenerle,e mi sono accorto che dopo di lui tutto sarebbe cambiato nel ramo della sua famiglia.Una bellissima famiglia ma … i suoi figli…solo femmine,quindi passato lui il suo ramo famigliare si sarebbe seccato,avrebbe perso quello a cui molti tengono,il protarsi della usa stirpe da parte di maschio,quindi con il suo stesso cognome.

In molte zone nelle mie parti è molto importante ci sia il maschio che perpetua la tua generazione con il tuo cognome,questo non solo per un fatto di prestigio ma anche per una questione pratica visto che in molti comuni esistono delle “regole” in cui solo i maschi della famiglia possono parteciapare a delle decisioni importanti per la comunità.

QUINDI

Credo che ognuno di noi abbia le sue pene,anche se pare fortunato,è invidiato da molti per il suo benessere materiale,per il suo buon lavoro per la sua apparente felicità.La sua croce è come tutte le altre pesante e faticosa da portare.

Apple

il fenomeno Apple,in modo particolare per iPhone,iPad e iPod è davvero travolgente.La casa di Cupertino fa ancora centro con l’iPad il ” libro digitale e non solo”.

Ho una foto molto carina che volevo postare qui.

La mela si ingrandisce

ottobre 2017
L M M G V S D
« set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Bad Behavior has blocked 21 access attempts in the last 7 days.

Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok